search

Ciotola in argilla nera Cerveteri in ceramica fatta e dipinta a mano a Deruta

55,00 €

Ciotola in stile Etrusco forgiata con argilla nera alta cm 8,5 larga cm 22 in ceramica decorata con il Raffaellesco disegno tra i più classici della più antica tradizione pittorica dei maestri ceramisti di Deruta.

Quantità
In Stock

 

Security policy (edit with Customer reassurance module)

 

Delivery policy (edit with Customer reassurance module)

 

Return policy (edit with Customer reassurance module)

Ciotola “Cerveteri” in stile Etrusco forgiata con argilla nera con manici a falda, decorata in Raffaellesco su smalto avorio.

Il motivo a Raffaellesche rappresenta una rielaborazione delle decorazioni pittoriche che Raffaello Sanzio rappresento’ nelle sue opere denominate “grottesche”. Fu proprio la sua bottega ad effettuare un vera e propria riforma di questo genere pittorico, aumentando cosi il numero di richieste da parte dei committenti e instaurando una sorta di canone che sara’ ripreso dal manierismo.

Ad oggi lo stile Raffaellesco è quello che ha permesso di far conoscere l’arte pittorica applicata alla ceramica in tutto il mondo, cosi da divenire il principale decoro Derutese.

Antichi documenti scritti fanno risalire la ceramica di Deruta all 1290, ma reperti provenienti da scavi giustificano l'affermazione che le origini della ceramica a Deruta

ha origini ben più lontane. Ciò è anche giustificato dal fatto che le colline che circondano Deruta sono ricche di argilla da ceramica. Durante questo periodo detto Arcaio la produzione di ceramiche era prevalentemente fatta di oggetti di uso comune come: versatori,

panate,scodelle e bacini.Le decorazione applicate su tale oggetti in ceramica erano molto semplici, i principali motivi erano rappresentati da decori geometrici, fiori,simbologie sacre e zoomorfe.

Questo tipo di ceramiche erano ricoperte da uno smalto grigiastro a base di stagno che andava a ricoprire le parti delle ceramiche su cui andava il decoro tracciato soltanto da due colori il verde ramina e il bruno manganese. I secoli successivi sono per Deruta e la sua ceramica, come per tutta l'arte Italiana un periodo particolarmente ricco per la sua fioritura.

Nel periodo rinascimentale le ceramiche di Deruta si arricchiscono di prodotti particolarmente raffinati e di pregio che vengono richiesti da tutte le corti nobiliari Europee.In quel periodo molte molte sono le fornaci attive di ceramica a Deruta è il periodo in cui i grandi maestri della ceramica Derutese siglano le loro opere di maggior pregio, tra cui Giacomo Mancini detto El Frate e Francesco Urbini.

AR-CI/RA-10
5 Articoli